CARATTERI E FINALITÀ DELL’ OFFERTA FORMATIVA

I percorsi degli Istituti professionali si caratterizzano per l’integrazione tra una solida base di istruzione generale e la cultura professionale che consente agli studenti di sviluppare i saperi e le competenze necessari ad assumere ruoli tecnici operativi nei settori produttivi a livello nazionale ma soprattutto a livello locale.

L’Istituto Professionale Grafica trae le sue radici dalla tradizione e soprattutto dall’aspetto professionale operativo dello storico Istituto d’Arte “A.Venturi”.

Il corso nasce dalla possibilità, prevista dalla Riforma dell’Istruzione di secondo grado, di poter confluire in Istituti professionali legati all’industria e all’artigianato, e si pone come prima finalità quella di creare un operatore tecnico-professionale con competenze artistico-artigianali che lo rendano atto all’inserimento flessibile nelmondodellavoro,inmedieepiccoleaziende,instuditecnicimaancheadav- viarsiallaliberaprofessioneconlecompetenzenecessarieadaffrontareunmondo in continuodivenire.

Le varie discipline previste dal corso concorrono, con la stessa dignità e importanza, alla formazione complessiva di uno studente dotato di abilità tecniche coadiuvate e supportate da senso artistico e sensibilità progettuale.

Vengono, quindi, privilegiate modalità di apprendimento che consentono dicolle- gare sistematicamente la formazione in aula con l’esperienza pratica,arricchendo la formazione acquisita nel percorso scolastico e formativo con l’acquisizione di competenze spendibili nel mercato dellavoro.

Il biennio iniziale del corso si presenta particolarmente indirizzato alla preparazione di competenze di base per lo studente, mentre il triennio successivo affinerà le competenze tecniche legate alla progettazione avvalendosi anche distretti rapporti con il mondo del lavoro non solo nell’area dell’industria della grafica ma anche in aree affini.

Le competenze professionali, acquisite altermine del corso di cinque anni, non impediranno, inoltre, allo studente motivato, di proseguire gli studi in corsi di specializzazione post-diploma (professionali e para universitari) o in ambito universitario. L’Istituto professionale di Grafica è inserito nella rete degli Istituti professionali della Regione Emilia Romagna.

 

Obiettivi educativi

  • conoscenza di sé e delle proprie attitudini;
  • acquisizione progressiva di un comportamento responsabile, frequenza assi- dua e impegno costante;
  • acquisizione della capacità di operare autonomamente all’interno di un gruppo e di rapportarsi in modo costruttivo nel suo ambito;
  • formazione della personalità finalizzata ad uno sviluppo armonico degli aspetti etici, sociali, intellettuali ed estetici, attraverso il rispetto di sé, degli altri e dell’ambiente in cui si vive.

 

Obiettivi didattici

  • acquisizione di un metodo distudio;
  • acquisizione delle conoscenze e delle competenze specifiche delle singole discipline;
  • acquisizione di corrette abilità espressive sia in campo verbale (anche nella linguainglese)sia in campo grafico;
  • sviluppo e approfondimento di interessi, conoscenze e abilità derivati dalle discipline dell’istruzione professionale di tipo artigianale e industriale;
  • acquisizione di competenze tecniche, progettuali e creative sostenute da capacità critiche e ideative;
  • acquisizione della capacità di rapportarsi in modo autonomo e produttivo al contesto in cui si opera.

 

PROFILO DELLO STUDENTE DIPLOMATO

L’Istituto Professionale Grafica raccoglie, per quanto possibile, il tradizionale impianto del precedente corso di ordinamento dell’Istituto d’Arte e, recependole linee guida nazionali, vuole rispondere efficacemente alla crescente domanda di personalizzazione dei prodotti e dei servizi, che è alla base del successo di molte piccole e medie imprese del made in Italy, particolarmente vive nella provincia di Modena con la presenza sul territorio del polo ceramico e della maglieria, ma anche tenendo conto di un indotto di piccola e media azienda molto variegato per settore di operatività.

Le varie discipline che formano il corso di studi, in particolare, quelle progettuali e i laboratori, intendono formare un soggetto che operi con appropriate conoscenze tecniche secondo consapevoli scelte culturali. Lo studente in uscita avrà acquisito:

  • una base di carattere tecnico-scientifico affiancata all’acquisizione dei linguaggi della comunicazione visiva, dell’estetica della produzione artigianale e industriale in un ambito di sperimentazione e innovazione;
  • competenze visive, tipografiche, informatiche, fotografiche che lo metteranno in grado di intervenire nei processi   di progettazione, prototipazione, realizzazione e commercializzazione di prodotti grafici nell’ambito generale della comunicazione visiva;
  • esperienze dirette, sotto forma di stage, visite e stretti rapporti scuola-lavoro, nel mondo della produzione, grazie anche alla istituzione di un comitato tecnico-scientifico con funzione di interfaccia e supporto nella progettazione del corso per la costruzione di un profilo il più coerente possibile alle necessità del lavoro della Provincia diModena.

Lo studente in uscita sarà pronto a inserirsi in attività professionali che si esplicano nelle filiere dei settori produttivi della grafica industriale, delle produzioni multimediali e audiovisive.

L’insieme dei saperi e delle abilità acquisite offrono inoltre la possibilità di accedere a qualsiasi percorso post-diploma anche di tipo universitario.

 

 

AREA DISCIPLINE CARATTERIZZANTI

Al termine del biennio lo studente dovrà essere in grado di osservare la realtà circostante per poterla rappresentare con competenze grafiche di base sia in modo bidimensionale che tridimensionale, con l’utilizzo di varie tecniche ivi comprese quelle di carattere fotografico e informatico in stretta collaborazione con il laboratorio tecnologico. Sarà così in grado di acquisire competenze di rappresentazione per la lettura e l’interpretazione e l’ideazione di elaborati progettuali, tecnici etecnologici.

In campo grafico approfondirà il concetto di texture, modulo, tassellazione. Frequenterà tanto le tecniche grafico-pittoriche e quelle tridimensionali della modellazione plastica, quanto quelle della rappresentazione tecnica-professionale e dell’industrial-design.

Le competenze operative tecnologiche e audiovisive saranno affidate al laboratorio tecnologico. Questa disciplina concorre a fornire le abilità fondamentali all’utilizzo delle strumentazioni necessarie alle attività di trattamento delle immagini (computer grafica con approfondimento dei software di fotoritocco, di disegno, di impaginazione e la fotografia digitale e artistica) per la realizzazione di prodotti audio video, di grafica stampata, di grafica digitale, di simulazione prototipale.

Il laboratorio tecnologico si coordinerà nel primo biennio con la disciplina di Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica e nel triennio con le discipline progettuali e tecnologiche così da offrire un valido supporto metodologico all’intero processo di apprendimento dei lin- guaggi visivi.

 

AREA UMANISTICA

Nell’ambito della competenza linguistica comunicativa lo studente dovrà acquisire la cono- scenza della lingua italiana: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi, lessico. Nell’ambito della produzione scritta si lavorerà sulla competenza testuale con riferimento anche alle strutture essenziali dei testi. Lo studente sarà in grado di utilizzare il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana secondo le esigenze comunicative dei vari contesti: sociale, culturale, tecnologico, professionale. Dovrà inoltre riconoscere le linee essenziali della storia delle idee, della cultura, della letteratura, delle arti e orientarsi agevolmente tra testi e auto rifondamentali. Per quanto riguarda la lingua straniera gli studenti acquisiranno le strutture grammaticali di base della lingua inglese e la conoscenza di strategie per la comprensione globale di testi e messaggi semplici scritti, orali e multimediali su argomenti noti, inerenti la sfera personale sociale ec ulturale. Studieranno il lessico di base su argomenti di vita quotidiana e professionale e arriveranno a possedere un repertorio essenziale di parole e frasi di uso comune. Nell’ambito della produzione scritta si lavorerà su testi brevi e semplici. Verranno anche introdotti alcuni aspetti socio-culturali dei paesi di lingua inglese. Alla fine del biennio gli studenti saranno in grado di interagire in conversazioni brevi e semplici su temi di interesse personale, quotidiano e professionale. Sapranno utilizzare un lessico di base, funzionale a esprimere i bisogni concreti della vita quotidiana, saranno in grado di scrivere testi brevi e semplici su tematiche di interesse personale utilizzando in modo adeguato le strutture grammaticali. Altermine del percorso quinquennale lo studente dovrà essere in grado di padroneggiare l’inglese per scopi comunicativi e utilizzare i linguaggi settoriali relativi ai percorsi di studio per interagire in diversi ambiti e contesti professionali al livello B2 del quadro comune di riferimento europeo per lelingue.

Sperando che venga recepita, nell’ambito dell’autonomia e della flessibilità didattica, la ri- chiesta di questo istituto di inserire la disciplina di Storia dell’Arte nel triennio, gli studenti dovranno anche riconoscere il valore e le potenzialità dei beni artistici e ambientali per una corretta fruizione e valorizzazione. Sapranno anche utilizzare le moderne forme di comuni- cazione visiva e multimediale in riferimento agli strumenti tecnici della comunicazione in rete. L’insegnamento della Storia dell’Arte va inteso infatti come indispensabile riflessione sul linguaggio visivo, strumento privilegiato della comunicazione moderna, per stimolare negli allievi la capacità di osservazione ed educare la sensibilità estetica, per un’operatività tecnica specifica di tipoartistico.

 

AREA DISCIPLINE SCIENTIFICHE

Il biennio del corso propone l’insegnamento della matematica e delle scienze integrate alle quali concorrono, nella loro autonomia, le discipline di Scienze della Terra e Biologia, di Fisica e Chimica e le Tecnologie dell’informazione e della comunicazione, discipline atte a potenziare la preparazione scientifica degli studenti.

L’obiettivo che ci si pone è quello di fornire una formazione scientifico-tecnologica, fondata sull’acquisizione di strutture logico/formali, sull’attività di matematizzazione, sull’analisi di sistemi e modelli, sull’apprendimento di concetti, principi e teorie scientifiche di base.

Si ritiene infatti necessario creare una mentalità che consenta agli studenti di imparare, attraverso le attività di laboratorio, a riconoscere, valutare, misurare le continue interazioni fra scienza e tecnologia ed acquisire conoscenze delle implicazioni culturali che la tecnologia comporta, capacedi inserirsi in realtà produttive differenziate e caratterizzate da rapida evoluzione, sia dal punto di vista tecnologico sia da quello dell’organizzazione dellavoro.

Nei primi due anni l’approccio alle scienze è di tipo sperimentale e unitario, basato su una didattica anche laboratoriale, al fine di valorizzare l’osservazione, l’analisi e la soluzione di problemi, il lavoro cooperativo, l’uso delle tecnologie e la gestione di processi in contestior- ganizzati.

Obiettivi:

  • utilizzare gli strumenti culturali e metodologici acquisiti per porsi in atteggiamento responsabile nei confronti della realtà, dei suoi fenomeni e dei suoi problemi;
  • utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca ed approfondimento disciplinare;
  • utilizzare i concetti e i fondamentali strumenti delle diverse discipline per comprendere la realtà ed operare in campiapplicativi;
  • padroneggiare l’uso di strumenti tecnologici con particolare attenzione alla sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro, alla tutela della persona, dell’ambiente e del territorio;
  • comprendere le implicazioni etiche, sociali, scientifiche, produttive, economiche, ambientali dell’innovazione tecnologica e delle sue applicazioni industriali, artigianali eartistiche;
  • costruire un legame concettuale fra mondo macroscopico e mondo microscopico dei materiali;
  • sviluppare la capacità di formulare idee alternative sulle quali riflettere attraverso la discussione in classe in un confronto collettivo, per arrivare a una formalizzazione, dei concetti emersi.

 

SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

I percorsi degli istituti professionali sono definiti, rispetto ai percorsi dei licei, in modo da garantire uno “zoccolo comune”, caratterizzato da saperi e competenze riferiti soprattuttoagli insegnamenti di lingua e letteratura italiana, lingua inglese, matematica, storia e scienze, che hanno già trovato un primo consolidamento degli aspetti comuni nelle indicazioni nazionali riguardanti l’obbligo di istruzione nel primo biennio. L’acquisizione delle competenze chiave di cittadinanza previste a conclusione dell’obbligo di istruzione consentono di arricchire la cultura di base dello studente e di accrescere il suo valore anche in termini di occupabilità.

Le discipline dell’area di indirizzo, anche se presenti in una certa misura fin dal primo biennio, avranno uno spazio ben maggiore nel quadro orario degli ultimi tre anni di corso. Tali discipline si fondano su metodologie laboratoriali e favoriscono l’acquisizione di strumenti concettuali e di procedure funzionali per preparare lo studente a una maggiore interazione con il mondo del lavoro e delle professioni.

Il Collegio ha deliberato l’attivazione a partire dalla classe III dell’opzione ministeriale Produzioni Artigianali del Territorio (IPAT) che ha consentito l’introduzione della Storia dell’Arte e lo sviluppo di competenze professionali nell’ambito artistico della Grafica.

La quota di autonomia del 20% dei curricoli è stata utilizzata nel biennio per potenziare le discipline laboratoriali e quelle di indirizzo offrendo così risposte efficaci e mirate alle esigenze del territorio e ai fabbisogni formativi espressi dal mondo del lavoro e delle professioni.

La caratterizzazione dell’indirizzo in senso artigianale-artistico che ha recuperato alcuni contenuti disciplinari, caratterizzanti il vecchio ordinamento dell’Istituto d’Arte nella sezione di ArtedellaFotografiaedellaGraficapubblicitaria,presentailprofilodiunanuovafigurapro- fessionale quale tecnico della comunicazione anche audiovisiva e multimediale, con basi teorichenell’ambitodellaculturaestetico-progettualeeottimapreparazionenell’utilizzodelle nuove tecnologie per la comunicazione visiva, la realizzazione di prototipi e progetti indu- striali e l’utilizzo di nuovi linguaggi multimediali di comunicazione aziendale. In particolare saranno approfondite le tecniche di computer grafica, l’utilizzo del web e la fotografia.

Particolare importanza e sostegno a questo progetto avranno gli stage aziendali che si svolgeranno durante il triennio, con particolare intensità nel quarto anno di studi e che saranno costruiti come progetti individuali sullo studente, sulle sue inclinazioni e attitudini.

 

INIZIATIVE DI MIGLIORAMENTO

Nell’ambito dell’ampliamento dell’offerta formativa dell’Istituto professionale è attivato un corso di formazione extracurriculare in Design grafico applicato alla ceramica dal titolo “Tile Graphic Design Studio”.

Questo corso costituisce un’importante occasione di collaborazione con il Distretto Cerami- co, realtà di fondamentale importanza produttiva del territorio modenese e polo di eccellenza internazionale. Tale corso è progettato e attuato in collaborazione con Confindustria Ceramica e prevede lezioni teoriche, attività di laboratorio ceramico,visite alle aziende e stage in azienda. Il fine è l’acquisizione di conoscenze teorico-pratiche per lo sviluppo di competenze di applicazione della progettazione grafica alla realizzazione di prodotti ceramici di design. Il corso coinvolge venti studenti delle classi seconde e venti studenti delle classi terze e si svolge in orario extracurricolare, un pomeriggio alla settimana, lungo tutto l’anno scolastico. Docenti del corso sono insegnanti dell’Istituto Venturi, sia del professionale Grafica siadella sezione di Design della Ceramica, e docenti esterni provenienti dalle aziende associate a Con- findustria Ceramica.

Le competenze acquisibili con il corso mirano a formare una figura professionale che sia capace di trasferire la capacità creativa e le abilità tecniche e tecnologiche sviluppate nel corso curricolare del Professionale Grafica, nell’ambito specifico dell’industria ceramica. In particolare una figura operante nel settore della applicazione dei programmi di grafica e della gestione del colore.

Nel corso dell’a.s.2013/2014 si prevede, inoltre, l’ampliamento dell’offerta formativa integrativa con l’avvio di nuovi corsi strettamente legati al mondo della grafica, delle nuove tecnologie per la comunicazione e della stampa.

 

COMITATO TECNICO  SCIENTIFICO

Il Comitato Tecnico Scientifico, previsto dalla recente riforma della scuola, costituisce un elemento importante per favorire l’innovazione dell’organizzazione del nostro istituto; è un organismo con funzioni consultive e propositive per l’organizzazione delle aree di indirizzo e l’utilizzazione degli spazi di autonomia e flessibilità; è lo strumento per consolidare i rapporti della scuola con il mondo del lavoro e delle professioni e s viluppare le alleanze formative. Il comitato sarà costituito da personale proveniente dall’Istituto e da personale proveniente dal mondo dell’industria e dal mondo culturale–artistico presente nel territorio.

La costituzione del Comitato Tecnico Scientifico è già stata formalizzata con delibera del Col- legio Docenti e del Consiglio di Istituto nel rispetto dei ruoli istituzionali di ciascun organo.

Fanno parte del comitato tecnico scientifico come membri esterni: il Presidente dell’Associazione Poligrafici Modenesi, i referenti per la formazione della Camera di Commercio e di Confindustria ceramica, un rappresentante dei Giovani di Confindustria, due Liberi professionisti che si occupano di nuove tecnologie,web, fotografia.